Miss

No, non è riferito al titolo riservato alle nubili bensì al verbo! Gioco di parole o scherzo del destino, questo non lo so, ma sta di fatto che sebbene le mia vite non siano del tutto rette, ma di certo parallele, di tanto in tanto si incontrano.. e creano solo un gran casino! Indipendente dall’idioma quando si utilizzano a profusione dei termini, questi vengono decomposti, consumati, degradati, destituiti del loro reale ed originale significato! Ecco perchè la violenza e la cattiveria raggiungono sempre efficacemente il centro: perchè nessuno vuol parlarne o chi lo fa lo fa a sproposito!

Ma la mancanza è ben altro, è quel tassello del puzzle che sai essere andato perso nelle galassie di altre vite, è la nota mancante nella sinfonia perfetta, è una parte di te che si è nascosta in un castello di cui non sei più tu il proprietario e del quale non hai più manco un cazzo di doppione delle chiavi. Quella è la mancanza! Io l’ho provata, più volte, anche adesso. E’ la mancanza di chi mi ha messo al mondo, è la mancanza di chi invece mi ci tiene ancora, è la mancanza di chi mi ama (e ce ne sono tanti, li sento tutti), è la mancanza di chi mi ama un po’ di più (che m’illudo esista), è la mancanza della razionalità che rende la mia vita asintodica, mancanza di carattere per poter decidere e dire al mondo: Non vi accontenterò più. Il terrore del cuscino che profuma di fresco con la federa appena cambiata, la paura del buio che inventa storie e pensieri balordi, le prime foto a colori stampate su una carta spessissima, la galleria dello smartphone, i guaji in cui inciampi… LA MANCANZA! Ma quale delle tante è la vita vera? Quale mi manca veramente? Beh… se ci penso così spesso e, stranamente, con così tante ferme convinzioni, di certo non è quella che vivo adesso in questa 508!

0.00 avg. rating (0% score) - 0 votes

Leave a comment