Maggiore Età

Sono passati 18 anni dalla mia “prima volta”, la prima volta che ho conosciuto me stesso, la prima volta che ho visto il grano, la mia prima volta in cui ho capito che l’impossibile poteva esistere addirittura con sembianze umane e che l’uomo poteva non essere il distruttore di cui tutti parlano, la prima volta in cui ci si sente “parte el Tutto”, la prima volta in cui il Tutto ha avuto forma e profumo, massa volume ed energia pur non essendo esattamente materia.

Solo da maggiorenne ho potuto, per troppo poco tempo, tenerti accanto tra le mie radici genetiche, cercando di farti toccare con mano il mio presente quotidiano, il passato che mi ha portato fin lì e la mia speranza nel futuro riposta a sud. “Ti trovo meno sognatore di un tempo” mi hai detto sorseggiando sangria. Come darti torto, caro Tonino, come contraddirti o tentare di raggirare la verità proprio a te che della Natura umana ne incarni l’essenza? Il fatto è che a volte non basta sapere che esistono persone speciali, uniche ed assolute come te. Ne ho incontrate altre sai? No, non cado in contraddizione con l’ “unico” perchè conosco bene, l’ho fatto mio, il Read More

View More Maggiore Età

Sottovuoto

Era ora, sì, Maggio è quasi finito ed io al mattino mi svegliavo ancora con le piume d’oca del piumone invernale attaccate al pigiama, quello che trasformava il ticchettìo della pioggia in carezze sul collo, quello che dello spiffero ne faceva alito. Troppo tardi, non era più possibile andae avanti così! Lo stesso nell’armadio: maglie pesanti, pesantissime, di quelle che avevano ascoltato musica a palla in posti chiusi e fumosi, felpe e cappucci che hanno baciato pioggia, lenzuola e sedili d’auto fino all’alba!

Troppo tardi! Sebbene a malincuore è arrivato il momento di cambiare stagione intorno, cambiarla per sempre, per un sempre che dura poco, ma che è pur sempre un sempre!

Mi affido così a quell’invenzione diabolica dei sacchi sottovuoto, oggetti dotati di vita, anaerobici ma con un cuore, oggetti di cui fidarsi insomma, a cui affidiamo i ricordi delle stagioni riducendoli all’osso, togliendogli l’aria, l’ossigeno, il respiro. A me capita così, che ogni oggetto e ancora di più un indumento, si leghi, quasi sempre, a storie, momenti, foto ed istanti, un testimone fedele e silenzioso che al contatto con la pelle ti sussurra ciò che ha visto per tenerti sveglio, non come l’ultima volta che lo hai tenuto Read More

View More Sottovuoto

Subway In Naples

E’ un po’ come avere in mente, in loop, la canzone dei Cure! Essere divorato dalle viscere della Terra, la Mia Terra, quella Napoli da sempre bistrattata, calpestata, umiliata e derisa dalle “metropoli occidentali”. Sì perchè Napoli non è Italia né Occidente. Napoli è il calore dell’Africa, i profumi dell’Asia, i colori dell’Oceania, la libertà del Nord America e la voglia di riscatto del Sud America… il tutto con la moneta Europea! O forse è il contrario esatto: Napoli è l’Europa, con i suoi paradigmi e le sue insane contraddizioni, è la Storia del Mondo ed il ventre dell’Arte e della Cultura. O forse, più semplicemente: Napoli è Napoli.

Ho condiviso e sapevo della bellezza della nuova linea Metropolitana ma non mi ci ero ancora immerso fino a ieri! Un senso di ASSOLUTO ti assale già a Piazza Garibaldi, tra lumache colorate ed un senso di moderno e futuristico che ben si sposa con la spessa storia che ti avvolge mista al profumo di pizza a portafoglio ed a quello dei treni che ti lasci alle spalle.

Lunghe, lunghissime scale mobili si susseguono veloci, si rincorrono senza mai incontrarsi sebbene si incrocino agli occhi in uno spettacolo degno di Escher. Un Read More

View More Subway In Naples

Heroes (not just for one day)

Da bambino i supereroi che conoscevo non avevano cognome, o meglio lo avevano quando erano persone come me, nella loro vita reale. Impiegati sfigati con vite mediocri e traballanti, ragazze “ugly” o pavidi adolescenti brufolosi. Poi all’occorrenza si trasformavano e diventavano invincibili, superforti, coraggiosi, sempre buoni, spostavano montagne, volavano, vedevano attraverso i muri e vincevano, vincevano sempre, rendendo il mondo migliore per tutti spazzando via i cattivi assicurandoli alla giustizia della metropoli.

Poi si cresce e la realtà che ti circonda non è una metropoli, nei cieli non volano umanoidi, le cabine del telefono non esistono più, la giustizia assicura ingiustizia e capisci che di invincibile non c’è mai stato niente e nessuno e ad insegnartelo è la storia, la religione e lo ribadisce istante per istante la Vita stessa. Allora ti guardi intorno incredulo del fatto che pagine e pagine di fumetti erano solo una sporca menzogna perchè i supereroi non esistono né sono mai esistiti. Tutta una grande invenzione per “bambini” o forse marketing promozionale per carnevale. E’ un po’ come la storia di Babbo Natale che svanisce proprio quando cominciavi a comprenderne il senso e l’importanza della sua esistenza.

Ma io ho scoperto che esistono davvero, sia Babbo Natale che i supereroi, certo in Read More

View More Heroes (not just for one day)

Lei non sa chi sono io

Distanze, rango, ceto sociale, professione, connotazione politica o religiosa, conto in banca, genealogia o semplicemente il vissuto, sembra incredibile ma la è conoscenza dell’altro a lasciarci cadere, quasi sempre, nella sconcertante scoperta di non conoscere chi si ha di fronte. Più cose sappiamo, più momenti viviamo, più esperienze condividiamo con le persone e più pesante è il fardello che si rischia di dover sopportare quando, all’improvviso, scopriamo che quell’aspetto, quella sfaccettatura, quel neo non lo conoscevamo affatto, ed inatteso, fino ad allora nascosto, ci trafigge da parte a parte come un proiettile rovente.

Non temo delusioni dagli sconosciuti né gesti di cattiveria umana, a differenza invece di chi reputo di conoscere bene. Ed ancora una volta ricordo gli amori estivi, l’amore vero, quelli che fin dall’inizio avevano una data di scadenza certa, che altro non sono che “prove tecniche” degli amori di una notte che finiscono con l’accompagnarti per tutta una vita, embrioni di amicizie consumate in un viaggio di lavoro piuttosto che durante un bagordo di un venerdì qualunque tra il tintinnio del verde scuro di bottiglie che si toccano sotto le stelle. L’ultimo arrivato, l’anima sconosciuta che ti rapisce con gli occhi e con quella spavalda sicurezza che Read More

View More Lei non sa chi sono io

Si nasce una sola volta (per ogni vita)

E’ proprio vero che, per ogni vita, si nasce una sola volta, e non poteva che essere LA MADRE ad avere questa onnipotenza, questo potere magico, una forza talmente enorme da poterne contenere e combattere tutte le morti che ne sarebbero scaturite da quella nascita.

Si nasce solo una volta per poi assistere gradualmente, durante il cammino, a tante morti, interiori, tangenti, secanti e spesso proprie, forse troppo spesso proprie, pezzi di noi che sprofondano nella terra in cui si seminano parti di sè, le parti più preziose, quelle che vorremmo lasciare vive per l’eternità. L’eternità, un concetto surreale ed inspiegabile, asintodo del desiderio che punta all’infinito, all’ignoto, ad un futuro senza fine. Ma la fine arriva sempre, per tutte le cose e dai germogli, se raccolti in tempo, conserviamo nuovi semi da spargere di nuovo in quel campo che è la vita, campo sempre meno fertile e sempre più provato dalla coltura più intensiva che possa esistere, quella dei sentimenti, delle passioni, dell’amore più vero, lo stesso amore che ci ha generato.

Ma chi semina raccoglie, generalmente funziona così, peccato però che col tempo ci si fidi troppo del pusher di semi ed accecati dal tempo che, sempre più … Read More

View More Si nasce una sola volta (per ogni vita)

Dietro Le Quinte

Ma certo che ci credo ancora, cosa credi? E’ che poi, col tempo, tutto cambia, non che si debba per forza sbiadire anzi a volte col tempo la nebbia si dirada e la luce li colpisce perfettamente quei ricordi e quelle emozioni sbiadite che quasi ti sembra di poterle toccare anche meglio di come hai fatto quando li hai vissuti o eri solo convinto che li stessi vivendo. Sì che ci credo, so bene di non poter vivere senza la consapevolezza che esista. Sarebbe come mettere a repentaglio un’intera esistenza solo perchè il tempo è un gran giocatore di poker e le carte le scopre solo al momento giusto affinchè lui possa vincere. E’ che forse comincio a convincermi che la vita, in verità, non la viviamo nè da protagonisti né tantomeno da comparse. Forse sbirciamo solo la proiezione di noi stessi da dietro le quinte e a volte ci piace a volte no, a volte vorremo poter correggere quella battuta a volte ce ne compiaciamo ma ormai è in scena e non puoi far altro che osservare gli attori di spalle ed il pubblico in faccia, le loro smorfie, i loro fischi, i loro applausi e le smorfie che … Read More

View More Dietro Le Quinte

Vuoto

Te lo raccontai una notte, quasi era l’alba credo, fermi in macchina davanti al cancello di casa tua. Ti parlai del vuoto, di cosa significasse vestirsi di Lui, di come fosse capace di riempirti fino all’inverosimile, di come riuscisse ad impadronirsi di ogni pensiero ed azione, di come gonfiasse gli occhi fino a farli sudare irrimediabilmente. Ma il vuoto non è mai immenso anzi è un bastardo ingordo che chiama a sè altro vuoto ed altro ancora ed altro ed altro ancora e continua gravido a generarne dell’altro, immortale, e si ciba di parole, di sguardi e di odori e pelle viva. Il vuoto è la cosa più ricca che possa esistere, è lo scrigno di quanto di più alto, bello e profondo ci sia in noi!… Read More

View More Vuoto

Dimenticavo

L’altra settimana sono ritornato su, a casa mia, in quel piccolo palazzo in cui sono vissuto per cinque anni. Ricordo che l’avevo lasciato un po’ a malincuore ma tutto sommato maledicendolo! I clacson delle auto nel cuore della notte, il caos dei ragazzi che al mattino vanno a scuola, per non parlare delle continue liti dei vicini che si animavano per lo più a tarda notte. Sì, l’avevo anche odiato quel posto, non lo nego, in un paesino di provincia con troppa gente di provincia, tutti sconosciuti, se non altro perchè a casa non ci stavo mai se non nel fine settimana quando mi andava di lusso!

Ci sono ritornato, giusto per controllare la posta sfuggita al “seguimi” e per aprire un po’ le finestre per lasciar entrare un po’ d’aria. C’era un bel sole ed era quasi ora di pranzo, con il coinquilino che di certo mi stava già aspettando a casa contando i passi della lancetta dei secondi dell’orologio in cucina. Ho aperto le imposte e sono uscito sul balcone, da poco rifinito in legno, poco prima che lasciassi casa. Mi riscaldavo e godevo la vista dall’alto del Vesuvio, proprio come ero solito fare a tarda sera prima … Read More

View More Dimenticavo

Essenza di profumo

Vogliono proprio toglierci tutto, oramai è chiaro, limpido, cristallino. In realtà siamo noi stessi che vogliamo toglierci tutto, privarci del nostro essere, dei piaceri nella speranza di annullare così anche i dolori. Che abbiamo smesso di pensare era palese già da un bel po’, la curiosità poi, l’abbiamo sotterrata all’ombra del cedro nei giardini dove giacciono le nostre passioni di gioventù. Ma una cosa, l’ultima psicosi collettiva, è quanto di meno poetico ci si potesse attendere dall’intelletto umano, una sconfitta per le abitudini e per i gesti che hanno scritto la storia del sapiens. Buttare nel cesso, così, secoli di storia per elogiare essenze e dipendenze altamente nocive è il gesto che sancisce l’inizio della fine: La Sigaretta Elettronica.

Che nome orribile, troppo ricco di contraddizioni e totalmente privo di un significato grammaticale. Humphrey si starà rivoltando nella tomba a quest’ora, lui che del cilindro di carta ne ha fatto un icona sacra, un segno distintivo di classe e carattere, dissacrante e meditativa con una ricca dose di sex appeal in quei baci arroventati continui che lasciano cenere e profumo di tabacco bruciato come cielo del wiskey a cui si confidano le proprie debolezze.

Ma senza entrare troppo nella poesia, … Read More

View More Essenza di profumo

Da Nanzel E Da Gretel

Si cresce sperando che il futuro ci sia amico, complice e fedele, astratto essere che ci donerà la serenità di cui ne è pieno lo scaffale dei libri della mia stanza. Lo si immagina come Babbo Natale, panciuto e rubicondo, generoso e dolce che aspetta solo di poterci regalare ciò che desideriamo.

Ognuno percorre vie e viuzze fidandosi del proprio senso del giusto e dell’opportuno… strano poi che nell’immensa diversità umana, alla fine tutti sbaglino strada! Non esiste esperienza o percorso che conduca alla felicità? Sembra impossibile ma il tempo sembra proprio essere un enorme imbuto in cui, per quanto ci si adoperi affinchè ciò non accada, convoglia tutti verso un’infelicità latente che trasformiamo in “Stimolo a  migliorare”. Tutte balle e nastri e coccarde per decorare il fallimento di tanti sacrifici. Ingegneri alle casse dei supermercati e medici all’aratro, ebeti al parlamento e stupratori sugli altari, analfabeti in cattedra e geni tra i banchi. L’opposto regna ovunque a sottolineare l’impotenza del raziocinio e del pensiero ponderato. Si compiono ogni giorno passi in avanti per tentare di raggiungere gli obiettivi della propria esistenza, sfocati e senza contorni precisi, e ci si ritrova poi a toccare con mano gli specchi che li … Read More

View More Da Nanzel E Da Gretel

Il Principe

Tu ti lamenti: ma che ti lamenti? Grazie Roy per rimbombarmi ogni tanto nella testa come a quel Festival a San Severino Lucano quando hai invitato i presenti a comprare il CD del gruppo che aveva suonato prima di te! Ma di cosa ti lamenti poi tu, tu che hai un lavoro, un contratto per giunta a tempo indeterminato. Tu, amato fin dalla nascita da tutti, tu atteso da sempre che non hai mai disatteso le aspettative di nessuno. Tu modello d’intento e di tenacia hai sempre avuto tutto anche quando forse qualcuno lo avrebbe meritato un po’ più di te.

E ti ritrovi oggi a non dover patire le pene di chi non ha come sbarcare il lunario, con la tua occupazione che ti ruba via la vita intera. Una sciabola dietro la nuca che cambia la sua direzione di minuto in minuto indicandoti dove attaccare. E ti lamenti di cosa? Tu con i tuoi telefoni nelle tasche che squillano in continuazione. Ti cercano, ovunque, come se dipendesse da te il futuro del mondo. Tutto sommato ti venerano come un principe bello e possibile, capace e scaltro, giusto e coscenzioso e al tempo stesso perfino umano, tu che parli … Read More

View More Il Principe

Stazioni

E CHI L’AVREBBE MAI DETTO?

A volte un fine settimana può aprire la mente, ed il cuore e quello che c’è nel mezzo! Rivedere un amico dopo oltre 10 anni girare per casa “tua” e passare ore a parlare d’arte e cazzate, raccontarsi gli istanti memorabilmente felici ed i mesi tristi, ricordare le avventura trascorse e quelle che avresti invece voluto condividere è un tuffo nel vuoto più puro, in assenza assoluta di gravità!

La Stazione sancisce l’inizio e la fine, come da manuale nei racconti scolastici. Quando arriva le automazioni accompagnano il Piccolo Anarchico sulla terra ferma di un binario. Baci ed abbracci timidi e caldi, come quando si riabbraccia un sogno con la paura che troppa forza possa farlo svanire, e la mente non sa da dove cominciare ad imbastire il primo di milioni di discorsi! Al seguito il suo fratellino, nato durante la nostra amicizia, quel calciatore mancato di cui mi aveva tanto parlato, uguale all’altro fratello minore, figo come vuole il gene di famiglia ma stranamente timido, in esatta contrapposizione con la catena cromosomica della stirpe. Si va dal bar dell’antistress ed i fiumi di dittonghi e risate cominciano a sgorgare con sempre più fluidità e

Read More
View More Stazioni

Un’Isola Nel Cuore

Corfù – GRECIA

Una roccia tutto sommato piccola nella nazione che più di ogni altra, oggi, è sotto i riflettori del mondo, emblema di come NON CI SI COMPORTA!

C’è qualcosa che non quadra… qualcosa è fuori fuoco!

Ho visto un gruppetto di anime che a stento si conoscevano, salpare di notte da Brindisi alla volta dell’isola greca su cui contrastanti opinioni avevano cominciato a realizzare preconcetti ed opinioni saldamente fondate sulla totale ignoranza!

La musica degli otturatori ed il suono del mare, onda dopo onda, hanno amalgamato gli ingredienti che ogni persona aveva contribuito a portare sull’arca. Un pizzico di sonno, decoro quanto basta, sorrisi a piacimento ed un’abbondante dose di voglia di scoprire e di scoprirsi UMANI.

Un adone greco già visto altrove accoglie il gruppo al porto e li accompagna in un divino Eden fiorito, calmo e dagli echi caldi ed amorevoli. In quel giardino l’alba avrebbe colto e rapito il gruppetto l’indomani, lasciandoli librare, guidati dal vento e dalle emozioni, verso la più recondita anima della divina dea Isola. Per ogni curva uno scorcio, nulla potevano alberi e foglie, non era possibile, in alcun modo, offuscare o coprire il Paradiso, i suoi colori e le sue … Read More

View More Un’Isola Nel Cuore

Deliri Di Onnipotenza

Ogni volta che mi sono autoconvinto a cambiare opinione su cose e persone, ahimè,  ho sempre dovuto ricredermi!

Quando ho deciso di voler riempire il vuoto di chi mi appariva vuoto ho scoperto che VUOTO poteva essere ancora parte del tutto rispetto al NULLA!

Quando ho voluto credere che l’alone degli orrori xenofobi erano ormai superati ed appartenessero alle generazioni in bianco e nero ho scoperto che, invece, si alimentavano nelle cromìe del terzo millennio ancora più cattivi e subdoli di come si erano manifestati nella storia del passato più prossimo.

Mammiferi, siamo solo dei mammiferi, con l’istinto alla base ed il raziocinio a corteccia di esso.

Quando prevale il primo difficilmente commettiamo errori. Li possiamo commettere nella forma e nell’esuberanza delle manifestazioni di sensazioni ed emozioni che pervadono i sensi ed il corpo, i movimenti e le azioni disgiunte di ghiandole ed arti ma sono il nucleo di ciò che percepiamo e pertanto appartengono al nostro senso del GIUSTO, se per giusto si va ad intendere il carattere che portiamo dentro.

Quando prevale il secondo, invece, mitighiamo ed artificiamo noi stessi nella proiezione del GIUSTO COMUNE, in un asintodo verso cui lasciar tendere le azioni contraddistinte dal volere di … Read More

View More Deliri Di Onnipotenza