Aldo Braibanti, l’intellettuale distrutto negli anni ’60 perché colpevole di amare un altro uomo