La Casa del Vento, Borgo Coroglio, la Radura della Scienza e quella degli Agrumi e poi ancora quella del Benessere e del Melograno. I nomi suggestivi, a tratti fiabeschi, nei quali è suddiviso questo lungo e frastagliato tratto costiero scorrono, tra colori smeraldini e cristallini, sul rendering video che illustra i punti salienti di Balneolis, il progetto presentato da una cordata di 12 soggetti e vincitore di UrbaNAture, il concorso internazionale di idee promosso da Invitalia, per sciogliere uno dei grandi nodi del nostro Paese: la bonifica e la risistemazione di tutta l’area dell’ex Italsider di Bagnoli.

Un’area enorme, circa 250 ettari, molti dei quali occupati dal mastodontico impianto siderurgico che ha attraversato tutto il Novecento, tra sogni di industrializzazione di un’Italia unita da poco e Guerre mondiali, e di cui rimangono alcuni scheletri arrugginiti che infondono all’atmosfera una profonda venatura cyberpunk. Vista dall’alto – tipica è la prospettiva dalla collina di Posillipo – è come affacciarsi su un altro mondo, su una vasta distesa attraversata da venti sconosciuti e fantastici, come fosse Marte. E invece quella faglia residuale in cui il nulla si cristallizza in minuscoli granelli di eternit e di cemento armato sgretolato, un po’ Deserto dei Tartari e un po’ Zona di Tarkovskij, è tremendamente lì, una concavità incisa nella costola di una delle metropoli più affollate dell’Europa, ed è cronaca, anche se la poesia è innegabile.

AFP PHOTO Carlo HERMAN (Photo credit CARLO HERMAN/AFP/Getty Images)

Nel corso dei tanti anni durante i quali si è parlato di bonifica e riqualificazione, in quella rientranza di Napoli si sono riversate le idee più avanzate dell’urbanistica e dell’architettura, abbiamo visto le menti migliori delle rispettive generazioni mettersi alla prova con l’ipotesi di rendere quei 250 ettari pienamente vivibili. «Bagnoli è stata per anni sinonimo di inefficienza. Questo progetto restituisce il nome antico al futuro dell’area. Finalmente i napoletani avranno modo di capire cosa sarà Bagnoli nei prossimi anni. È “il progetto”, non uno dei tanti visti in questi anni», ha dichiarato Francesco Floro Flores, commissario straordinario di governo per il risanamento ambientale e la rigenerazione urbana di Bagnoli-Coroglio.

Parco naturale, bosco produttivo, parco urbano: questi i tre ambiti intorno ai quali è incentrato il progetto, «Declinato secondo una interpretazione contemporanea del genius loci, che si esprime con l’esaltazione dei caratteri naturali, agricoli, cromatici, estetici e del benessere propri di questo Sito», si legge nell’idea progettuale. Tra studi di progettazione architettonica, urbana e paesaggistica, società di ingegneria e professionisti del settore, operanti in ambito nazionale e internazionale, sono 12 i soggetti che hanno collaborato per il progetto Balneolis, ai quali è stato riconosciuto un grant di 150mila euro: S.B. Arch. Studio Bargone Architetti Associati (Mandataria), Neostudio Architetti Associati, Arch. Francesco Nigro, Nicola Spinetto Architectes Sarl, Espace Libre Sarl, Rosmani Project Srl, Studio Associato 4eingegneria, T.E.S.I. Engineering Srl, Agron. Luciano Mauro, Eco Geo Engineering Srl, Arch. Marina Mori, Arch. Daniele Salvo.

Punti salienti sono la creazione di una rete ecologica che ricongiunga il mare e la collina e la valorizzazione delle archeologie industriali: «La grande Fabbrica è immaginata come insieme di luoghi in continuità tra interno ed esterno, interamente dedicati al benessere, dove trovare servizi, negozi e svolgere ogni attività connessa allo “stare bene”, in un contesto del tutto originale e suggestivo». Altro elemento dirimente, la cosiddetta colmata a mare, un conglomerato di metalli pesanti e materiali di varia provenienza, sotto stretta sorveglianza per il pericolo di contaminazione e che, nel corso degli anni, è stata al centro del dibattito. Si toglie o si lascia? Secondo il progetto Balneolis va rimossa. Secondo lo stesso Floro Flores, «Non inquina, potrebbe essere più rischioso per l’ambiente rimuoverla». Ma questa dichiarazione risale a qualche mese fa.

Insomma, questo progetto che richiama una letteratura epica se non mitica – Balneolis, come l’antica Neapolis – potrebbe essere addirittura quello buono o qualcosa di molto simile. Il cronoprogramma è serrato: entro 30 giorni dalla proclamazione, il vincitore dovrà consegnare il piano volumetrico dell’idea progettuale, a completare tutti i dettagli degli interventi. Poi toccherà alla Conferenza dei servizi approvare il piano che, quindi, sarà integrato nella disciplina urbanistica di Bagnoli. Un primo passo concreto, quindi, in quella che, più che una rigenerazione, sarà una ridefinizione dell’area che farà “giurisprudenza” nell’urbanistica e che avrà una ricaduta sull’intera città, restituendo alla fruizione pubblica uno spazio vitale, fronte mare.

L’articolo Balneolis: il progetto vincitore della riqualificazione dell’ex Italsider di Bagnoli proviene da exibart.com.