Dido Fontana e l’arte dilatata della fotografia, tra estasi e furore