Igort: “Disegnare è mettersi nei guai”