Il corpo eterogeneo del presente, a Reggio Emilia