La morte dei supereroi

Infermieri supereroi, commesse supereroi, corrieri supereroi, pony express supereroi, operai delle autostrade supereroi, autisti dei mezzi pubblici supereroi! Chi fa il proprio dovere, oggi, può entrare nell’Olimpo dei Supereroi ed incontrare Clark Kent o Bruce Wayne, gente che si faceva in quattro per non essere riconosciuti come tali e che “salvavano il mondo” da travestiti anonimi e mascherati facendo ben attenzione a non essere scoperti!

Uguale adesso!

Ognuno sottolinea le proprie azioni al fine di elevarle ad “atti epici” degni di quell’Olimpo! Non credo ci sia veramente la volontà di ergersi a Salvatori del mondo bensì quella di poter raggiungere una popolarità, la voglia di un protagonismo che faccia uscire l’individuo, anche se per un granello di tempo, fuori dal più massifico anonimato!

Gli operai ingaggiati dalle Autostrade per la ricostruzione del Ponte di Genova sono stati a loro modo, per una settimana o forse due, degli eroi! Eroi perché hanno lavorato (non gratis) per mesi lontano da casa a ritmi serrati (trasferte e straordinari pagati immagino). Certo anche sulla Salerno – Reggio Calabria ci sono da decenni panciuti operai che muovono una pietra al giorno prima a destra e poi a sinistra per la stessa ricompensa! Il fatto è che non sono i primi ad essere supereroi ma i secondi ad essere inutili parassiti che fanno solo ciò che gli è concesso, o forse ordinato, di fare!

Gli infermieri: guai a dirne male… oggi! Io però non ricordo infermieri sudati o che “corrono” tra i corridoi dei reparti. Nella mia esperienza ospedaliera, per fortuna quasi nulla, ho sempre visto persone molto rilassate a cui non mancano colleghi con cui condividere spesso avventure ed aneddoti davanti ad un caffè o nella “inaccessibile saletta” dove si va a chiedere se, per cortesia, è possibile avere un altro cuscino! Non per ultimo, restando negli standard nazionali, gli stipendi di questa categoria non sono affatto irrisori quindi sticazzi al cubo!

Secondo me, in quell’Olimpo, Clark, Bruce e tutti gli altri potranno stare al sicuro: questi sono supereroi che non hanno mai tentato di vedere oltre la mascherina!