L’Odissea sui muri di Bergamo: quando l’arte diventa partecipativa