Scriviamo di mostre da anni, ma questo articolo ha un gusto ancora più dolce perché la mostra di Fornasetti a Parma è stata come una “prima volta”. Durante gli ultimi mesi di chiusura dei musei, abbiamo fantasticato a lungo su questa esposizione e poterci  immergere tra gli allestimenti e dagli spazi del Complesso della Pilotta è stato emozione pura. “Fornasetti. Theatrum Mundi” è un inno d’amore all’arte nella totalità dei suoi linguaggi espressivi: qui pittura, scultura, architettura, design e scenografia si prendono per mano e vanno in scena, conquistando il visitatore con un’armonia senza fine. Di seguito vogliamo condividere con te la nostra esperienza di visita e alcuni consigli.

Fornasetti, la storia

Il nome Fornasetti è storia: che si tratti di piatti, mobili o tappeti, lo stile di Fornasetti coniuga alla perfezione la cura artigianale all’estro artistico. Tutto è nato dalla mente geniale di Piero Fornasetti, classe 1913, il cui padre  aveva già organizzato per lui un futuro da imprenditore. Ma non tutte le storie seguono la strada delineata e il giovane Piero si appassionò al disegno e si iscrisse all’Accademia di Brera, dove fu cacciato per il suo temperamento giudicato troppo esuberante.

Negli anni trenta, l’abilità di Fornasetti gli permise di fondare una Stamperia che è stata il punto di riferimento di alcuni dei più celebri artisti di quel tempo come De Chirico e Fontana. Ma la sua creatività non ha mai smesso di evolversi e inseguire nuove sfide così si dedicò ad una tecnica di stampa che gli permetteva di imprimere dei motivi grafici sulla stoffa: questa idea gli permise di iniziare una straordinaria collaborazione con Gio Ponti. Insieme condividevano una vision chiara: produrre industrialmente degli oggetti quotidiani che dovevano essere valorizzati da una componente decorativa che li rendesse quasi cimeli d’arte.

Negli anni cinquanta, Piero Fornasetti fondò il suo storico Atelier che è diventato simbolo dell’eccellenza del Made in Italy in tutto il mondo. Dal 1988, anno della sua scomparsa, a raccogliere questa straordinaria eredità è stato il figlio Barnaba Fornasetti. Tra i due l’amore e il sodalizio artistico sono stati da subito evidenti: si racconta infatti che quando Barnaba aveva 4 anni regalò al padre un fiore posato su una foglia e da lì nacque il tema decorativo di una serie di vassoi.

Leggi anche: Guida ai musei d’arte contemporanea in Italia

mostra-fornasetti-parma-gatto

@Travel on Art

Mostra Fornasetti a Parma: percorso espositivo

La mostra di Fornasetti a Parma ha il grande merito di creare un dialogo attivo tra le architetture e le opere del Complesso della Pilotta e lo straordinario immaginario artistico di Piero e Barnaba Fornasetti. Da questo incontro nasce uno spettacolo che va in scena e che si afferma come un teatro del mondo, in cui più linguaggi artistici operano l’uno al servizio dell’altro.

Questa scelta ha provocato un effetto straordinario, una sorta di cortocircuito tra iconografie classiche e un immaginario contemporaneo: un esempio è la splendida scultura di Canova che viene custodita da uno dei cagnolini firmati Fornasetti.

Il percorso espositivo è ricco di colpi di scena e accoglie il visitatore fin dagli ambienti esterni: varcata poi la soglia, sono 3 gli spazi che ospitano la mostra cioè la Biblioteca Palatina, il Teatro Farnese e la Galleria Nazionale. Ogni spazio racconta una parte importante del genio di Fornasetti, come l’uso delle rovine del passato come frammenti, il collezionismo, l’importanza della musica, la dimensione onirica e a tratti surrealista.

Ogni dettaglio dell’allestimento è curato in modo impeccabile, creando un continuum tra passato e futuro, ma sicuramente l’emozione di entrare nel teatro ed essere completamente avvolti dal design di Fornasetti non ha prezzo. Visti gli ampi spazi da visitare e i video e le opere che sono proposte, ti consigliamo di ritagliarti almeno un’ora e mezza per la visita, non te ne pentirai.

mostra fornasetti parma teatro

@Travel on Art

“Fornasetti. Theatrum Mundi”: informazioni per la visita

La mostra “Fornasetti. Theatrum Mundi” è stata prorogata fino al 25 luglio e si trova nel Complesso della Pilotta, nel centro storico di Parma. Da martedì 2 febbraio 2021, come da ultimo DPCM, la mostra è aperta da lunedì a venerdì dalle 10.30 alle 18.30, con l’ultimo ingresso previsto alle 18.00.

Il biglietto intero costa 12 euro e permette di visitare il Teatro Farnese, la Galleria Nazionale e la Biblioteca Palatina.

Parma Capitale della Cultura 2021: eventi imperdibili

Fornasetti. Theatrum Mundi” è stata organizzata nell’ambito del bando per Parma Capitale Italiana della Cultura 2020+21 dal titolo Rivitalizzazioni del Contemporaneo. Nonostante il blocco causato dalla pandemia da Covid 19, sono molti gli eventi in programma per quest’anno che coinvolgono molti linguaggi artistici.

Per aiutarti nella tua esplorazione alla scoperta di Parma, da brave local, abbiamo creato una guida da leggere tutta d’un fiato: qui puoi trovare tantissime ispirazioni.

Leggi anche: Cosa vedere a Parma, Capitale Italiana della Cultura 2020+21

L’articolo Mostra Fornasetti Parma: il design va in scena in Pilotta proviene da Travel on Art.