A partire dal centro di Monopoli, per irradiarsi verso tutta la Puglia e, quindi, aprirsi al Mediterraneo: è l’onda sonora di PhEST – See Beyond the Sea, festival internazionale di fotografia, arte, cinema, musica, aperto a tutte le contaminazioni, che tornerà ad animare i mesi estivi e autunnali della città pugliese per il sesto anno consecutivo, con un programma espanso nello spazio, secondo la formula “totally outdoor”, e diffuso nel tempo, dal 6 agosto al primo novembre 2021 ma con anticipazioni anche nei prossimi giorni.

A coordinare il PhEST, il direttore artistico Giovanni Troilo e la curatrice fotografica Arianna Rinaldo, che proporranno una serie di eventi incentrati sul tema del corpo, un argomento che, alla luce della migrazione verso i lidi del virtuale, assume connotati ancora più urgenti, oltre che affascinanti. «Oggi più che mai il corpo è al centro del dibattito e diviene discrimine per la politica», spiegano gli organizzatori. «Pensiamo a Minneapolis e al #BlackLivesMatter, al #MeeToo e allo stesso Covid, tutti temi in grado di spostare gli equilibri politici dell’intero pianeta e su cui si concentreranno molti dei prossimi conflitti sociali. La conquista e il controllo dei dati biometrici diventa al contempo il fattore chiave per completare il dispositivo di controllo più sofisticato mai realizzato dall’uomo (la biopolitica di Agamben) e l’ultimo miglio che resta all’Intelligenza Artificiale per avviare il Novacene, l’Età della Superintelligenza di cui parla James Lovelock, verso il suo stadio più maturo».

Le mostre e le anticipazioni di PhEST 2021: si parte con Giorgia Angiuli

Circa 20 le mostre che consentiranno al pubblico di “immergersi” nelle immagini e di scoprire il cuore di Monopoli. Ma prima di tutto, a fare da prologo per questa sesta edizione, ci sarà il progetto videomusicale “Giorgia Angiuli live from Monopoli, Italy | Tuning The Dawnprodotto da PhEST e dal Comune di Monopoli, che sarà trasmesso in streaming il 13 maggio, alle 19, su Mixmag, rivista e portale inglese di dance music e clubbing.

Protagonista sarà Giorgia Angiuli, musicista e compositrice originaria di Monopoli, che ha scelto di condividere con i suoi fan uno dei luoghi a lei più cari. Il live set, registrato a fine agosto 2020 all’alba, sarà infatti trasmesso in streaming da un isolotto in mezzo al mare. Un luogo che per Giorgia ha un valore molto speciale, perché legato alla memoria di sua madre che negli anni Sessanta vi trascorreva l’estate, e che ha spinto l’artista a celebrare con una performance unica le magiche vibrazioni della sua Monopoli con tutti i suoi fan, e non solo.

«Chi è cresciuto in Puglia sa quanto sia speciale l’intensità del sole e quante storie ha scritto il mare sotto la sua luce unica. L’alba simboleggia un nuovo inizio, specialmente durante questi tempi bui. L’alba dà un senso di speranza all’industria culturale perché “anche la notte più buia finirà e il sole sorgerà” come scrisse Victor Hugo», ha spiegato Angiuli. Venerdì 14 maggio uscirà una sua nuova traccia realizzata in collaborazione con l’artista lituano Gardens of God “Love The Noise”, che sarà anche il titolo del prossimo EP in uscita con United, label di Giorgia Angiuli.

«La musica è sempre stata una parte fondamentale di PhEST, ma nella scorsa edizione era diventato estremamente complicato per noi immaginare un concerto e per i talenti come Giorgia poter suonare per il proprio pubblico», ha spiegato Troilo. «Ma è stata proprio questa restrizione a farci incontrare Giorgia. Ci siamo conosciuti proprio di fronte a quell’isolotto e ci siamo subito confessati il desiderio, la necessità di fare qualcosa, qualcosa di bello che potesse arrivare a tutti, ovunque. Subito intorno a quella idea si sono aggregati partner visionari e le istituzioni, tutti spinti dal medesimo, semplice desiderio. È così che è nata questa pillola densa di bellezza, pronta a fare il giro del mondo in attesa che un nuovo giorno inizi».

L’articolo PhEST 2021: anticipazioni dal festival di fotografia e arte di Monopoli proviene da exibart.com.