Wes Anderson, la legge del bello