Un Natale diverso è alle porte e in questa settimana complessa exibart.artworld è qui ancora una volta per aggiornarvi con sei notizie dal mondo dell’arte. E per provare a farvi ridere.

  • Cominciamo con il New York Times: Warner Bros. farà uscire tutti i film in programma per il 2021 anche in streaming oltre che nelle sale cinematografiche. Questa decisione non solo è un chiaro segno dei tempi che stiamo vivendo, ma è destinata a cambiare gli equilibri di un sistema molto complesso, quello della distribuzione cinematografica nell’era dello streaming.
Timothèe Chalamet e Rebecca Ferguson in Dune, una delle grandi produzioni che Warner Bros. farà uscire nel 2021. Courtesy Warner Bros.
  • Sempre a tema cinema e dintorni, è di questa settimana la storia di Elliot Page, star di “Juno”, che ha annunciato di essere transgender e non-binary. La notizia ha raggiunto anche le testate nazionali, non vi raccontiamo niente di nuovo. Ma l’articolo di Glaad che vi proponiamo contiene precise indicazioni per approcciare alla notizia in modo corretto, evitando scivoloni transfobici più o meno consapevoli.
    Visualizza questo post su Instagram

    Un post condiviso da @elliotpage

  • A proposito di film e serie tv, avete già finito La Regina degli Scacchi su Netflix? Perché è scoppiata la scacchi-mania! Per non farsi prendere in contropiede, vi ricordiamo che il cavallo si muove a L e che Artnet ha confezionato un articolo meraviglioso con tutte le scacchiere più famose dell’arte. Da Marcel Duchamp a Yoko Ono.
  • Passiamo ora al mondo della musica. Vogue UK infatti propone in questo articolo le storie di quattro artiste nigeriane che stanno cambiando la scena artistica nel loro paese. Sembra infatti essere in atto un rinascimento culturale con Tems, Lady Donli, Wavy The Creator e Amaarae. Sicuramente da seguire ma sopratutto da ascoltare.
  • Hyperallergic propone invece la storia di Salma El-Shimy, una modella che è stata arrestata lo scorso Novembre per un servizio fotografico molto particolare. Il problema sembra essere il luogo dove sono state scattate le foto, Saqqara – sito archeologico della città di Giza – e i vestiti indossati dalla modella.
Salma al-Shimi in uno degli scatti che gli è valso l’arresto in Egitto.
  • Ho una battuta su Monet, ma fa un po’ Impressione. Ho una battuta su Andy Warhol, ma ve la ricordereste solo per 15 minuti… Se vi piacciono le battute di questo genere, sappiate che di recente su Twitter sono impazzate, e utenti da tutte le parti del mondo hanno scritto la loro a tema storia dell’arte. Come questa, davvero per intenditori: ho una battuta su Philip Guston, ma dovreste aspettare il 2021 (qui vi diamo un aiutino per capirla). Qui sotto l’intero thread.

L’articolo exibart.artworld: il giro del mondo dell’arte in sei notizie proviene da exibart.com.