Le donne di Time
Le donne di Time
Le donne di Time
Le donne di Time
Le donne di Time
Le donne di Time
Le donne di Time
Le donne di Time
Le donne di Time
Le donne di Time
Le donne di Time
Le donne di Time
Le donne di Time
Le donne di Time
Le donne di Time
Le donne di Time
Le donne di Time
Le donne di Time
Le donne di Time
Le donne di Time
Le donne di Time
Le donne di Time
Le donne di Time
Le donne di Time
Le donne di Time
Le donne di Time
Le donne di Time
Le donne di Time
Le donne di Time
Le donne di Time
Le donne di Time
Le donne di Time
Le donne di Time
Le donne di Time
Le donne di Time
Le donne di Time
Le donne di Time
Le donne di Time
Le donne di Time
Le donne di Time

Gitanjali Rao ha 15 anni ed è la prima persona a comparire su una copertina del magazine americano Time come «Kid of the Year», a 15 anni. L’anno scorso era stata la volta dell’attivista svedese Greta Thunberg, lei di anni ne aveva 16, ed è stata la prima persona in assoluto, con meno di 25 anni, ad essere insignita di questo titolo.

Cittadina americana di origine indiana, Gitanjali Rao è una giovanissima scienziata che una giuria di giovani, guidata dal presentatore televisivo Trevor Noah, ha scelto tra cinquemila giovani americani. Appassionata di scienza e tecnologia, Gitanjali Rao ha studiato diversi strumenti innovativi come un dispositivo per individuare il tasso di inquinamento nell’acqua potabile (rilevando la presenza di piombo al suo interno) e una app per verificare atti di cyberbullismo.

«Io non sono il tipico scienziato: di solito quello che vedo in televisione è un maschio bianco e di una certa età. Evidentemente io sono diversa», ha raccontato Gitanjali Rao, durante un’intervista con l’attrice e ambasciatrice per i diritti umani, Angelina Jolie. «Il mio obiettivo non è solo inventare qualcosa per risolvere problemi, ma anche essere da esempio per gli altri. Se io lo posso fare, tu lo puoi fare».

L’obiettivo di Gitanjali Rao, che vuole studiare Genetica ed Epidemiologia al Mit,  è «risolvere i problemi del mondo», ed essere di esempio per altri giovanissimi come lei, così da dare vita a una comunità globale di ragazzi pronti a migliorare il pianeta.

Il magazine americano, che dal 1927 eleggeva «l’uomo dell’anno», diventato «persona dell’anno», ha spiegato che il nuovo riconoscimento del «Kid of the Year» vuole puntare i riflettori sui giovani che hanno un’influenza positiva sulle loro comunità.

LEGGI ANCHE

Greta Thunberg è la persona dell’anno di «Time»

LEGGI ANCHE

«Time», tutte le donne del secolo per festeggiare l’8 marzo

LEGGI ANCHE

Fridays For Future in piazza: «Per il clima ancora nulla di fatto»