L’anno che verrà

Grandi sogni, grandi speranze, desideri rincorsi da anni, altri anni giunti all’improvviso come quello che sta per arrivare. Ma il tempo ha limato sensibilmente le aspettative degli anni che si sono susseguiti al punto che, al 2010 non chiedo pace, amore, ricchezza e propserità.

Al nuovo anno chiedo che esca l’ acqua dal rubinetto di casa mia ogni giorno! Svegliarsi alle 11:00 A.M. del 31/12/2009 e ritrovarsi senz’acqua non è il massimo per chiudere l’anno, lo stesso anno a cui avevo chiesto tante di quelle cose… e me ne sono state rese sì e no la quarta parte!

Al nuovo anno chiedo che, quando pioverà, non si allaghino le strade della provincia partenopea, e nascoste sotto i laghi piovani che ricoprono l’80% del manto “stradale” non ci siano voragini capaci di incghiottire intere automobili!

Al nuovo anno chiedo che le macchine che passeranno sotto casa non suonino il clacson inutilmente a tutte le ore del giorno e della notte!

Al nuovo anno chiedo che chi guiderà contromano sotto casa mia lo faccia con attenzione, senza andare a 100 km/h rischiando di ammazzare qualche automobilista che aveva appena suonato il clacson!

Al nuovo anno chiedo che le pulizie del condominio vengano fatte nei 3 giorni stabiliti e non quando la signora delle pulizie ha voglia!

Al nuovo anno chiedo che la Salerno-Reggio Calabria mantenga intatte le deviazioni… e non le aumenti in maniera esponenziale ogni giorno come accade oggi!

Al nuovo anno chiedo di fare semplicemente l’anno, gli chiedo di essere solo ciò che davvero è: un insieme di giorni fatti di ore, minuti, secondi ed istanti. Nulla di più! Al nuovo anno chiedo di essere semplicemente un altro anno, che passi con la dovuta lentezza e con la dovuta parsimonia, senza sorprese e senza affanni! Dovrà essere solo un anno… al resto ci penserò da solo!

CONDIVIDI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.