Torna virtualmente a Padova, il 4 e il 5 dicembre 2020, in un format interamente rinnovato e digitale, il consueto appuntamento di Rete Critica, la rete dei migliori blog e siti web indipendenti di informazione e critica teatrale che, dal 2011, segnala l’avanguardia della scena teatrale italiana. Visto l’anno di grande incertezza per il mondo del teatro e in cui, peraltro, la Rete avrebbe festeggiato i dieci anni, si è pensato di rimandare i festeggiamenti e abbandonare il consueto Premio, optando invece per una mappatura nazionale dei progetti artistici realizzati nel corso del primo periodo di black-out teatrale, durante i primi mesi di post lockdown.

Nuove e vecchie tecnologie incontrano nuovi e vecchi linguaggi, alla ricerca di nuove forme di sperimentazione artistica. L’edizione 2020 si è così tradotta nell’obiettivo di dare un contributo concreto alla creazione di un futuro tangibile. Un immaginario collettivo del teatro che sarà.

Il 4 e il 5 dicembre 2020 si terranno tre momenti di approfondimento tematico on line, della durata di un’ora circa, a partire dai progetti segnalati in questa edizione straordinaria, con la partecipazione di un ospite d’eccezione e moderati da un membro di Rete Critica. Gli incontri saranno fruibili sulle pagine Facebook del Teatro Stabile del Veneto, che rinnova la collaborazione con la Rete, ospitando virtualmente l’edizione.

Favole Al Telefono, Valeria Sacco, ph Matteo Lainati

Rete Critica 2020: i tavoli di discussione

Tavolo “Teatro e politica” venerdì ore 18.00
ospite Giovanni Boccia Artieri
moderatore Roberta Ferraresi
segnalati dalla Rete:
Progetto C.Re.S.Co. | Coordinamento delle Realtà della Scena Contemporanea
Giorgina Pi (Tiresias)
Kepler 452 (Lapsus urbano)

Tavolo “Teatro in ascolto” sabato ore 16.00
ospite Rodolfo Sacchettini
moderatore Viviana Raciti
Segnalati dalla Rete:
Campsirago Residenza (Favole al telefono)
Radio India
Frosini/Timpano (InDifferita)

Tavolo “Danza e immagine” sabato ore 18.00
ospite Roberta Nicolai
moderatore Laura Gemini
segnalati dalla Rete:
Balletto Civile (progetto M.A.D. Museo Antropologico del Danzatore)
Paola Bianchi (ELP)
Teatrino Giullare (Il diario dei giorni felici)

Tiresias, Simone Cecchetti

A conclusione del primo tavolo, sarà presentato uno short doc sulle prime dieci edizioni di Rete Critica, a cura di Simone Pacini, scritto e diretto da Andrea Esposito. Sarà un’occasione per ripercorrere la storia e l’origine del premio fin dalla sua prima edizione attraverso le immagini e le testimonianze dei vincitori e di coloro che hanno animato questo appuntamento. Previsti gli interventi di Oliviero Ponte di Pino, Massimo Ongaro e di artisti, compagnie e progetti vincitori, come, tra gli altri, Gianni Farina di Menoventi (2011), Daniele Timpano (2012), Armando Punzo e Archivio Zeta (2014), Case Matte e Puglia Off (2015), Davide Lorenzo Palla e Zona K (2016), NEST Napoli Est Teatro e Mario Gelardi del Nuovo Teatro Sanità (2017), Kepler-452 (2018) e Stefano Tè del Teatro dei Venti (2019).

L’articolo Rete Critica 2020 va online, per mappare il teatro del lockdown proviene da exibart.com.