Deviantart
Dantebus
Behance
Rise Art
Saatchi Art

L’arte, da sempre, è una vocazione, una passione. Di solito non si lavora nell’arte per i soldi e secondo il report della Fondazione Di Vittorio, meno di un artista su due riesce a guadagnare fino a 5mila euro l’anno. Ma proprio per questo due giovani donne bolognesi hanno dato vita a Taldeg, la start up che, attraverso un percorso di accelerazione per gli artisti italiani, permetterà loro di vedere la professione da un punto di vista imprenditoriale.

«Siamo dell’idea che non ci sia nulla di male a pensare all’artista come a un imprenditore», raccontano Silvia Rigo e Francesca Fumana, le fondatrici (nella foto), «L’arte è cambiata, il digitale è arrivato e la competizione è sempre più accesa. Ecco perché abbiamo voluto mettere tutto ciò che abbiamo imparato in questi anni per creare un percorso che dia agli artisti strumenti pratici e funzionali al loro successo.»

Taldeg, che negli ultimi anni ha connesso oltre 50 realtà espositive con numerosi artisti, ha perciò sviluppato un vero e proprio iter formativo. Il percorso è diviso in moduli in cui gli artisti scoprono, ad esempio, quale prezzo dare alle proprie opere o come proteggere e gestire la proprietà intellettuale.

Taldeg offre così agli artisti la possibilità di migliorare la propria posizione nel mercato. «La genialità degli artisti del passato, come Leonardo, Raffaello e Michelangelo non è solo data delle loro opere, bensì da come hanno sviluppato la loro carriera in modo strategico, con uno stile imprenditoriale, dando a chi commissionava loro del lavoro, qualcosa che potesse davvero rispondere alle loro esigenze estetiche e strutturali».

Ma Taldeg non si ferma qui. Il prossimo passo sarà quello di incentivare l’emergere di aziende creative driven. Obiettivo che si aggiunge alla creazione di una piattaforma di e-learning, in cui gli artisti possano scambiarsi competenze e conoscenze.

Esistono poi molti portali dedicati all’arte, la maggior parte stranieri. Alcuni danno la possibilità all’utente di crearsi un account ed avere così una propria pagina a disposizione da trasformare facilmente in portfolio. Nella gallery, abbiamo elencato i principali.

LEGGI ANCHE

Ecco perché investire nell’arte

LEGGI ANCHE

Creativi cercasi: quando l’arte è un’opportunità di lavoro

LEGGI ANCHE

Investire in arte? È sexy e smart